MEDICINA ESTETICA

Il progetto di utilizzare la Risonanza Quantica Molecolare in Medicina Estetica attraverso lo sviluppo del Rexon-age, ed adesso della sua evoluzione, Rexon-age 2, nasce da un intenso lavoro di ricerca scientifica, svolta sia all’interno dell’azienda che in stretta collaborazione col Dipartimento di Fisiologia ed Anatomia Umana dell’Univ. di Padova.

Grazie al fondamentale contributo della ricerca universitaria è stato possibile comprendere i principi d’azione alla base della stimolazione cellulare promossa dal Rexon-age 2.

Diversamente da molte apparecchiature oggi in commercio, le quali si limitano a produrre un semplice riscaldamento del tessuto per effetto Joule, il Rexon-age 2 promuove una stimolazione cellulare in modo del tutto peculiare, mantenendo bassa la temperatura ed evitando, pertanto, i rischi ed effetti collaterali che un suo eccessivo aumento potrebbe comportare.

I campi elettrici ad altissima frequenza con spettro in Risonanza Quantica Molecolare, stimolano la produzione, da parte dei fibroblasti, di nuove fibre collagene ed elastina, fondamentali costituenti della matrice extra-cellulare. La presenza di queste fondamentali proteine nel derma ne determina il livello di tonicità ed elasticità.

Con l’avanzare dell’età, la densità di queste proteine tende a diminuire in modo costante (si è stimato che la riduzione, in età adulta, sia di circa l’ 1% l’anno). Da ciò derivano i ben noti segni del processo d’invecchiamento cutaneo, quali la formazione ed approfondimento delle rughe, il cedimento cutaneo, la riduzione dell’elasticità e del tono del derma.

Attraverso il trattamento col Rexon-age 2, la pelle viene stimolata ad aumentare la produzione di queste importanti proteine costituenti la struttura di supporto della nostra pelle. Questo avviene sia tramite un’azione di stimolo rivolto alle cellule deputate alla produzione di esse (i fibroblasti) che attraverso l’induzione all’aumento della densità dei fibroblasti stessi, agendo sulle cellule staminali adulte contenute nella lamina basale.

Obiettivi della terapia Rexon-age 2

Come conseguenza visibile, viene riacquistato un turgore ed un’elasticità proprie di una pelle più giovane.

Attraverso i meccanismi di stimolazione descritti, la terapia Rexon-age è finalizzata ad indurre un reale effetto di ringiovanimento, dal momento che la cute ed il derma così stimolati tenderanno ad aumentare il proprio metabolismo, così come avviene in un tessuto più giovane.

 

 

La terapia non si deve limitare al viso, in quanto altri importanti distretti corporei quali l’addome, l’interno coscia, gli avambracci, possono enormemente beneficiarne.

Ottimi risultati si ottengono inoltre nel trattamento dell’acne e della cellulite di primo e secondo grado.

…durante la seduta di trattamento

  • La terapia col Rexon-age 2 è assolutamente non invasiva.

  • Non provoca alcun dolore, bensì una piacevole sensazione di calore e benessere.

  • Non è necessario utilizzare alcuna crema analgesica né alcun sistema di raffreddamento della cute.

  • La durata media di un trattamento dipende dall’ampiezza dell’area trattata.
    Indicativamente un trattamento viso e collo richiede intorno ai 40 minuti.

  • Il pacchetto terapeutico standard prevede un totale di 8 sedute, cadenzate settimanalmente.

La visualizzazione del materiale informativo è riservata agli operatori sanitari ed è disciplinata dal D.M. 23 febbraio 2006, dal D. Lgs. 219/2006 e in generale dal D. Lgs. 46/97 (così come modificato dal Decreto Legislativo 25 gennaio 2010 n.37).

 

Chiudendo il popup si dichiara di essere professionisti del settore medico e abilitati a visionarne i contenuti

 

Non sono un professionista >>>